Comunità Slow Food dell’orto condiviso Vesuviano: Biodiversità e Tradizione

Grazie a due sorelle cercolesi, Anna Maria e Bianca Maria Borrelli che hanno messo a disposizione della comunità locale un appezzamento di terreno di 2000 metri quadrati, sotto il Vesuvio è nato il primo Orto Condiviso Vesuviano targato Slow Food per preservare e assieme rilanciare le biodiversità e la tradizione. Da cinque anni grazie all’impegno di Maria Rosaria Donnarumma e di un gruppo di appassionati, questa distesa di terra è prima diventata un campo, poi un orto e oggi uno spazio di cultura condivisa che rilancia attraverso le eccellenze della nostra terra, le nostre storie, le nostre tradizioni, i nostri valori. Intorno all’orto, insignito dell’effige che contraddistingue le Comunità Slow Food, un gruppo di cittadini ispirato ai principi della biodiversità, della stagionalità e dell’agricoltura sostenibile, si è appassionato alla terra e alla grandezza che essa rappresenta. L’Orto Condiviso Vesuviano è diventato, negli anni, meta di visita per le scolaresche, non solo del territorio, che con mano hanno potuto toccare la vita delle piante: dalla conservazione dei semi al raccolto di frutta, verdura e ortaggi, riscoprendone qualità ormai perse intorno alle logiche di mercato e produzione che spesso non favoriscono la storia e la qualità dei territori

I prodotti sembrano tutti uguali, ma non lo sono. I Nostri racchiudono la storia del Territorio, il legame tra l’uomo e la sua Terra.
Nelle foto alcuni esempi delle varietà della Biodiversità del nostro Territorio che stiamo contribuendo a salvaguardare e a valorizzare. A tal fine abbiamo avviato una serie di incontri con esperti, agronomi e agricoltori custodi della rete Slow Food rivolti a coloro che vogliono approfondire le conoscenze a riguardo: agricoltori, conduttori di orti per consumo personale, ma anche ristoratori e pizzaioli e chi semplicemente vuole saperne di più per scegliere il cibo con maggiore consapevolezza. Per partecipare contattateci al 3714288491. Gli incontri sono gratuiti e saranno svolti con modalità compatibili con le disposizioni previste per il contrasto alla diffusione del contagio da SARS-CoV-2

Chi fosse interessato alla iniziativa comunità slow food è pregato di prenotarsi al numero indicato. Questo per evitare assembramenti. Si faranno piccoli gruppi che permetterà anche di partecipare meglio alla iniziativa.

Su facebook

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.